TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı la internacia reto de tradukistoj por la lingva diverso

 16/07/2018 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 ABYA YALA 
ABYA YALA / Il Debito Sovrano: un racconto di Natale
Date of publication at Tlaxcala: 03/01/2018
Original: La deuda soberana: un cuento de navidad (primera parte)

Il Debito Sovrano: un racconto di Natale

Luis Casado

Translated by  Alba Canelli

 

Tra le storie subnormali che la destra ha cercato di vendere c'è quella della presunta crescita del debito pubblico cileno. Luis Casado spiega un paio di cose, per ristabilire un po' di verità ...

Ho letto da queste parti che gli esperti sono preoccupati per il debito sovrano del campo di fiori ricamato (*). Sembra che la gestione del biglietto nazionale sia dispendiosa e irresponsabile. Anche se i governi di Bachelet in particolare, e quelli della Concertación/Nueva Mayoría in generale, non sono la mia tazza di tè, sono sorpreso dalla campagna di terrore scatenata sul tema di un debito pubblico che, nel bene e nel male, è un peccato minore.
Dal 1990 in poi, i governi non hanno fatto altro che amministrare il capitalismo puro e duro che oggi chiamano neoliberalismo. Più papisti del Papa, hanno inventato quel surplus strutturale, cioè di spendere meno di quello che è disponibile, secondo quanto stabilito dal Consenso di Washington, e dagli ordini del FMI. Aylwin, Frei, Lagos e Bachelet si sono presi cura con zelo rispettoso e servile dei criteri che dovrebbero garantire al Cile una buona posizione nella classifica Doing Business della Banca Mondiale.

Uno Stato minimo, con un bilancio minimo e un carico fiscale minimo, è un criterio di eccellenza. Offrire al grande capitale un ambiente prevedibile, garantito, privo di incertezza, in poche parole una Jauja (**), è la bussola che li ha guidati per 27 anni. Di debito ... niente. Se cerchi su Internet, ottieni la seguente risposta: "Nel 2016, il debito pubblico in Cile era di 47.537 milioni di euro (52.619 milioni di dollari). Il Cile è tra i paesi con il minor debito rispetto al PIL mondiale". Un debito pubblico che rappresenta il 18,5% del PIL, dove gli Stati Uniti sono intorno al 120%, il Giappone al 235%, la Germania al 72% e Italia del 132% ... Una prodezza?

Non è che non ci siano bisogni, ci sono. Ma se lo Stato aumenta gli investimenti sociali, lo scandalo creano gli esperti e i think-tank della ricchezza è clamoroso. Nel quadro della Costituzione di Pinochet - ancora in vigore - lo stato è cacca. Quella pseudo verità, che lo Stato non dovrebbe né intervenire, spendere, investire, né mescolarsi nell'economia reale, saturano l'apice non solo degli sciamani della destra, ma del credo dei progressisti, del "centro-sinistra", dei moderati, dei politici res-pon-sa-bili.
Il fenomeno ha una sua genealogia. È interessante conoscere la sua genesi. Nella sua opera monumentale "Debito: i primi 5000 anni", David Graeber sottolinea quanto segue:
"... durante la crisi petrolifera degli anni '70 i paesi dell'OPEC avevano depositato una parte così grande della loro nuova ricchezza nelle banche occidentali che si chiedevano dove investire quei soldi: Citibank e Chase quindi inviavano emissari ovunque per cercare di attirare i dittatori e i politici del Terzo Mondo per prendere crediti (in quel momento battezzarono quell'attivismo come "go-go banking"); molto bassi al momento della firma dei contratti, i tassi di interesse sono poi saliti ad un livello astronomico, circa il 20% all'anno, come conseguenza della politica monetaria restrittiva imposta dagli Stati Uniti all'inizio degli anni '80; È stata questa situazione che, negli anni 1980-1990, ha causato la crisi del debito del Terzo mondo".
In Cile le conseguenze sono state disastrose: si ruppe l'intero sistema finanziario. Le banche, che approfittarono del dollaro facile ed economico per offrire generosi crediti in pesos, si ritrovarono, durante la notte, nell'impossibilità di pagare i loro debiti contratti in dollari. Come al solito, era lo stato che si prese carico del pagamento dell'ubriachezza privata.
David Graeber specifica come hanno riparato la torta:
"... per ottenere un rifinanziamento, i paesi poveri dovevano sottostare alle condizioni imposte dal Fondo Monetario Internazionale: eliminare tutti i "sussidi ai prezzi" per i prodotti di base, persino rinunciare al mantenimento delle riserve alimentari strategiche e porre fine ai servizi medici gratuiti e l'educazione ..."
In questo modo, gli Stati sono stati in grado di liberare le risorse finanziarie necessarie per pagare il debito contratto dalle banche private, e nel processo hanno generato due enormi opportunità commerciali: salute e istruzione a pagamento. Come si può vedere (la recente crisi subprime ha offerto la brillante conferma), se per la sanità pubblica e l'istruzione non c'è mai denaro, per salvare un sistema finanziario privato c'è sempre denaro: denaro pubblico.

Se il debito sovrano cileno è così modesto, è dovuto, tra l'altro, al fatto che lo Stato assolve una parte essenziale del costo delle cure mediche e dell'educazione in casa. In questo modo, il carico fiscale può essere mantenuto a livelli miserabili rispetto, ad esempio, ai paesi dell'OCSE (un gruppo di paesi di cui il Cile fa parte).

Se nell'OCSE il carico fiscale medio si aggira intorno al 33%, in Cile raggiunge a malapena il 20%. Secondo l'anno considerato, il prodotto dell'IVA e dellele imposte sul tabacco e sull'alcool coprono fino al 60-70% dei bilanci dello Stato. L'attività industriale e commerciale contribuisce a un magro 15%.

Quanto sopra contribuisce a determinare la regressiva distribuzione della ricchezza creata da 17 milioni di cileni: se il lavoro riceve appena il 30% del PIL, il capitale cattura il 70%. Anche la concentrazione della ricchezza in poche mani ha una genealogia.

La ciliegina arroccata in cima alla torta: se nella pratica il Cile non ha debiti sovrani, i cileni si: ogni famiglia cilena, in media, deve più del 70% del suo stipendio annuale. Le condizioni di quel debito non hanno molto da invidiare a coloro che hanno presieduto l'indebitamento molto precario degli Stati latinoamericani non appena hanno accettato l'indipendenza.

Éric Toussaint, nel suo erudito libro "Le système dette - Histoire des dettes souveraines et de leur répudiation" (Il sistema del debito - Storia dei debiti sovrani e il loro ripudio), dice quanto segue: 
nel 1824, il Messico fece ricorso ad un prestito a Londra. La banca incaricata dell'operazione, BA Goldshmidt & Co., ha dichiarato di aver venduto i titoli di debito messicani al 58% del loro valore nominale. In altre parole, ha venduto titoli per un totale di 3 milioni e 200 mila sterline, e che aveva raccolto solo 1 milione e 850 mila. Di tale importo, BA Goldschmidt & Co. ha scontato la sua modesta commissione, ovvero 750 mila sterline. In sintesi, il Messico ha ricevuto a solo 1 milione e 100 mila sterline, ma il suo debito ammonta a 3 milioni e 200 mila.
Resta inteso che la banca non ha corso alcun rischio: il suo compito era limitato alla vendita a terzi di titoli del debito sovrano del Messico.

Tra il 1824 e il 1831, nonostante una sospensione dei pagamenti, il Messico rimborsò 1 milione di sterline del capitale e 500 mila in interessi. Ma doveva ancora pagare 6 milioni di capitale e interessi. Il tasso di interesse era stato fissato al 5%, che il Messico doveva pagare sul totale nominale, anche se riceveva solo il 35% dell'importo totale del prestito.

In pesos messicani, se il Messico riceveva solo 5,7 milioni, tenendo conto dell'interesse, si impegnò a pagare, in un periodo di 30 anni, 40 milioni di pesos: 16 milioni di capitale e 24 milioni di interessi. La proporzione è inimmaginabile: per ogni peso effettivamente ricevuto, il Messico ne ha dovuti pagare 7.

Qualsiasi somiglianza con ciò che accade con i prestiti al consumo nel campo di fiori ricamato non è una pura coincidenza.

Riguardo al Messico, sarebbe lungo da raccontare che l'oligarchia messicana ha fatto affari acquistando i titoli di debito al prezzo delle uova, chiedendo quindi al proprio paese il pagamento del cento per cento. Per raggiungere questo obiettivo, alcuni di loro sono arrivati ​​al punto di adottare la nazionalità inglese. È ciò che i potenti chiamano patriottismo. Dobbiamo specificare che è stato il popolo messicano a pagare fino all'ultimo centesimo?

La lunga storia del debito sovrano illustra il comportamento dei potenti. Oggi in Cile è conveniente ridurre l'intervento pubblico nell'economia per moltiplicare le opportunità commerciali private. Allo stesso tempo, se il debito dello Stato è ridotto al 18,5% del PIL, il debito privato - escluse le istituzioni finanziarie e le famiglie - è pari a circa il 130% del PIL.

Il giorno in cui si verifica una qualsiasi disavventura, come nei primi anni '80, o un'altra crisi del piano subprime, puoi scommettere la tua grande pensione AFP (Amministratori di Fondi Pensione, N.d.T.) che sarà, ancora una volta, il popolo del Cile che pagherà per i piatti rotti.
Ah ... il debito ...
 
Nota di Tlaxcala
 
L'autore fa riferimento ai primi versi del coro e al quinto versetto che è ufficialmente cantato dall'inno nazionale cileno: "Puro, Cile, è il tuo cielo bluastro, / Pure brezze ti attraversano, / E il tuo campo di fiori ricamato / È la copia felice di Eden"
 
** "Jauja" è il nome di una leggendaria "terra di abbondanza e felicità", in un omonimo film del 2014 del regista Lisandro Alonso




Courtesy of Tlaxcala
Source: https://madmimi.com/p/f5056b?fe=1&pact=13099274-143278687-4158025400-c9b666a93ff00b69923245b0c2c8fe36ca4cd94a
Publication date of original article: 02/01/2018
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=22369

 

Tags: Abya YalaDebito SovranoCilePinochetAmerica LatinaMessicoPILEconomiaBanca MondialeBankstersNeoliberismoCapitalismo
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.