TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı

 14/12/2018 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 EDITORIALS & OP-EDS 
EDITORIALS & OP-EDS / La guerra è pace: il motto di Trump
Date of publication at Tlaxcala: 09/12/2017
Original: War is Peace
Translations available: Français  Deutsch  Español 

La guerra è pace: il motto di Trump

Gilad Atzmon جيلاد أتزمون گيلاد آتزمون

Translated by  Lidia Ciavarella

 

Nessuno meglio di Donald Trump ha sfruttato il precetto orwelliano “La guerra è pace” . In “1984” di Orwell, il Partito mantiene la stabilità interna facendo continuamente la guerra altrove.

Alcuni sostengono che il presidente degli Stati Uniti sia “illetterato” ed “ignorante”. Secondo altri, sarebbero le sue capacità intellettive ad essere limitate. Ho letto alcune valutazioni negative sulla sua salute mentale. Ma nessuno può mettere davvero in discussione i successi di Trump. È diventato presidente contro tutti i pronostici. Nonostante gli sforzi incessanti per rimuoverlo dall’incarico, è riuscito a rimanere aggrappato al Bianco edificio. Prende regolarmente imprevedibili decisioni impopolari che non hanno senso per la maggior parte delle persone raziocinanti e intelligenti. Comunica con il mondo mediante monosillabi e tweet. Nonostante ciò, continua miracolosamente a prevalere.

Pur essendo una persona che presumibilmente non ha mai letto un libro intero in tutta la sua vita, Trump è riuscito ad ottenere molto. Come ci riesce? Cosa gli passa per la testa? “La guerra è pace” sembra essere la chiave della sua strategia per la sopravvivenza. La guerra è l’ambiente in cui Trump si sente al sicuro.

Fin dal primo giorno del suo incarico, il presidente degli USA non ha perso un’occasione per minacciare un conflitto globale. Ha provocato l’Iran, ha fatto infuriare la Corea del Nord, e adesso vuole sconvolgere i Palestinesi. La Corea del Nord, apparentemente svantaggiata, si è rivelata estremamente valida nel contrastare l’aggressione usamericana. Agli ingegneri di Kim Jong-un sono bastati un paio di mesi per stabilire una capacità balistica in grado di polverizzare le città usamericane. La Corea del Nord è troppo pericolosa per Trump. Essendo una superpotenza territoriale, neppure l’Iran è un nemico ideale. Trump aveva bisogno di lanciare una nuova campagna contro un avversario decisamente più debole. I Palestinesi erano il nemico perfetto.

La guerra in Palestina significa pace mentale a Washington. Combacia bene con la dottrina di Trump. Ma i Palestinesi meritano davvero questo ruolo? Secondo gli opinionisti israeliani, i leader arabi e islamici non si schiereranno con la Palestina. Il rischio è che le masse arabe e islamiche reagiscano molto diversamente. La situazione potrebbe presto diventare volatile. Domani mattina, gli USamericani dovrebbero porsi una domanda fondamentale: come può “La guerra è pace” di Trump rendere “di nuovo grande l’America”? Non può. Si tratta semplicemente di una tattica per sopravvivere. Trump è l’unico a guadagnarci.

Per come la vedo, Trump sta facendo un ottimo lavoro per cancellare quel che resta dell’egemonia usamericana. Lasciatelo in carica per un altro anno, supponendo che il pianeta possa sopportarlo, e il prestigio e l’influenza degli USA si ridurranno a zero. Qualcuno potrebbe sostenere che questo basti a fare di Trump una forza positiva nella politica mondiale contemporanea.





Courtesy of Tlaxcala
Source: http://www.gilad.co.uk/writings/2017/12/6/war-is-peace
Publication date of original article: 06/12/2017
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=22224

 

Tags: Tramonto dell'Impero USAGerusalemme/Al QudsPalestina/Israele
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.