TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı

 17/09/2019 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 EDITORIALS & OP-EDS 
EDITORIALS & OP-EDS / Attentati di Parigi o il fallimento dell'umanità
Date of publication at Tlaxcala: 20/11/2015
Original: Atentados de París o el fracaso de la humanidad

Attentati di Parigi o il fallimento dell'umanità

Gilberto Lopes

Translated by  Alba Canelli

 

Due giorni dopo gli attacchi di Parigi, un giornalista si siede davanti al suo computer. Che cosa può scrivere che non sia già stato detto? I dettagli dell'operazione, il giovane volto dell'assassino, con il suo Kalashnikov, che uccide persone in un concerto di hard rock? L'identità delle vittime, che le mette di fronte alla morte e un tono ancor più drammatico per la storia?

Tutto è stato detto, tutto è stato visto, corpi insanguinati, persone in fuga attraverso le finestre, i feriti, i morti ...
Forse ci rimangono due cose importanti: uno sforzo per capire perché; e un altro, forse ancora più importante, un senso di fallimento, fallimento dell'umanità.
Non si tratta solo dei recenti attacchi in Francia. Questo è il secolo segnato dal completo fallimento della ragione.
"Abbi il coraggio di servirti del tuo proprio intelletto! È questo il motto dell'Illuminismo", ha detto Kant 230 anni fa.
La storia dell'illuminismo è ricca di eventi. Già avevano avvertito due tedeschi, Max Horkheimer e Theodor Adorno, in un testo notevole, Dialettica dell'Illuminismo, pubblicato nel 1944. La sconfitta del nazismo era inevitabile, ma la sua stessa esistenza alimentava poca speranza nel trionfo della ragione.

Guerra

Sono passate ore. Cosa abbiamo visto? La prima cosa, forse, è stata la voce del presidente francese, François Hollande, quando già si intuiva, ma la dimensione della tragedia era ancora sconosciuta.
Ha parlato di "attacchi terroristici di dimensioni senza precedenti". "E' un orrore", ha aggiunto. Aveva ragione.
Di che altro ha parlato? Che la Francia era in guerra.
Sembrava ripetitivo. Quale guerra? Può una banda armata - per quanto folle e potente - dichiarare guerra alla Francia?
 
"Aerei da guerra francesi hanno lanciato un attacco alla città siriana di Raqqa, in cui ha una delle loro roccaforti il sedicente Stato Islamico".
 
"Lo ha annunciato il ministero della Difesa francese in un comunicato diffuso domenica, in cui ha precisato che i dieci velivoli che hanno effettuato l'attacco hanno distrutto un posto di comando e un campo di addestramento", si leggeva domenica scorsa nella pagina della BBC.
 
D'accordo. Qualcosa doveva essere fatto. Ma se si conoscevano questi obiettivi, perché non hanno attaccato prima? E se si attacca ora, è il passo necessario per indebolire il nemico? E' logico?
 
14 anni fa qualcosa di simile è accaduto e si è reagito in modo simile. Venne invaso un paese, scoppiò una guerra e le terribili conseguenze sono ancora difficili da misurare, ma il caos in Medio Oriente ci permette di intuirle.
 
Peter Van Buren si presenta come un ex funzionario del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti che ha trascorso un anno in Iraq, a capo del team di ricostruzione in due province ed ora è a Washington.
Anche Van Buren ha pubblicato un articolo sul tema, la scorsa domenica. "E' stato detto, in particolare guardando la nauseante ripetizione della stessa storia, che, nonostante i 14 anni di guerra al terrorismo, esso rimane tra noi, forse ancora più presente. E' il momento di ripensare ciò che abbiamo fatto", ha detto.
 
La verità è che la guerra al terrorismo ha fatto sprofondare il mondo nel terrore, un terrore molto più profondo e duraturo di quello che si diceva di combattere.
 
Ma, di che guerra si trattava?
Non era una guerra convenzionale, ma nemmeno quella che immaginavano. E' stata una vera e propria guerra civile, una guerra di civili armati, che non hanno la capacità di combattere contro gli eserciti statali contro i civili disarmati degli Stati Uniti che volevano sconfiggere. 
 
A differenza della prima e della seconda guerra mondiale, in cui i potenze armate affrontavano altre potenze ugualmente armate, in cui società fortemente inquadrate si organizzavano per soddisfare le esigenze della guerra, oggi si tratta di Stati apparentemente più potenti, ma incapaci ad affrontare una guerra la cui origine è nel disordine stesso creato da tali Stati.
 
Disordine la cui origine è molto più antica della "guerra al terrore"; che può essere ricondotta, se si vuole, alla ripartizione del Medio Oriente, un secolo fa (l'edizione spagnola di Le Monde Diplomatique ha pubblicato un articolo sul tema nel mese di aprile 2003), ma che la caduta dell'Unione Sovietica e la fine del mondo bipolare della guerra fredda ha contribuito ad approfondire. Leader mediocri e bulli pensarono allora di essere i padroni il mondo. Hanno agito come se lo fossero. I risultati sono evidenti.
 
"Rinunciamo molte delle nostre libertà negli Stati Uniti per sconfiggere i terroristi". Non è stato così.
"Ne abbiamo uccise decine di migliaia o più (in Iraq e in Afghanistan). Non è stato così. Siamo andati in guerra in Iraq e ora in Siria; prima, in Libia, e creiamo solo più stati falliti ", ha detto Van Buren.
"La sfida per la Francia è di affrontare questa realtà" afferma. "Gli Stati Uniti hanno fallito il test dopo l'11 settembre 2001"
 

In nome della democrazia

Lo scenario dopo gli attacchi è dantesco, come è dantesco il crimine commesso. Ma dantesco è l'intero scenario.
I leader europei parlano in nome della democrazia e della civiltà. Ma abbiamo visto come a molti di loro manca molto per meritare entrambi i qualificativi. Quelli di prima e quelli di adesso.
Non si tratta di "estremisti", quelli che spingono per entrare in parlamento ed entrano a poco a poco. No! Si tratta di quelli che governano oggi, con le loro politiche di esclusione, concentratori della ricchezza, coloro che hanno sottoposto la Grecia ad accordi impossibili, come se tutto potesse essere fatto e nulla avesse conseguenze.
 
Un'Europa che scricchiola sotto l'ondata di migranti in fuga dalle tragedie precedenti, le guerre causate in nome della democrazia, per deporre e porre governanti.
Ma si tratta, soprattutto, della grande immigrazione di coloro che vengono dietro le ricchezze che per secoli hanno fluito da sud a nord. Non vengono con nessun intento sovversivo, vengono solo con l'intenzione di mangiare.
 
In tutto il mondo, gli edifici si sono illuminati di blu, bianco e rosso. Bene.
 
Ovunque si canta la Marsigliese. La sempre bella e commovente Marsigliese, chiamando i cittadini a marciare. Quello che succede è che ora si marcia in senso contrario a quello dell'appello di poco più di due secoli fa. Basta uno sguardo al volto conservatore dell'Europa da Madrid a Varsavia, da Berlino a Budapest.
Ovunque ci sono manifestazioni contro gli attentati. Davanti alle ambasciate della Francia le strade si riempiono di fiori e candele accese.
Perfetto.
Ma cosa succede dopo? Cosa farà questa gente? Come tratterà i rifugiati? Per chi voteranno?

Eredi di una storia

Noi siamo gli eredi di questa storia.
Stiamo andando a schiacciare questi terroristi? Sì, ma sarà inutile. Essi stessi si schiacciano, avvolti nei giubbotti suicidi.
Sappiamo come siamo arrivati ​​qui. Sappiamo anche come uscirne.
Già lo ha detto Kant, "concentrarsi per mantenere in vigore, foss'anche per la sola durata della vita di un uomo, una costituzione religiosa immutabile che nessuno possa pubblicamente porre in dubbio, e con ciò annullare per così dire una fase cronologica del cammino dell'umanità verso il suo miglioramento e rendere questa fase sterile e per ciò stesso forse addirittura dannosa alla posterità, questo non è assolutamente lecito ".
 
Si riferiva, naturalmente, al dibattito del suo tempo. Ma forse il testo potrebbe servirci anche oggi.
Non si tratta solo degli islamici, riguarda anche gli altri fondamentalisti, quelli della "guerra al terrore", quelli delle politiche di esclusione, che agiscono come se fossero i padroni del mondo.

Sappiamo come siamo arrivati ​​qui; sappiamo anche come uscirne. Ma si deve uscirne. Come Horkheimer e Adorno, anche in mezzo a delusione e disperazione non si può rinunciare ai valori dell'Illuminismo, né accettare, semplicemente il fallimento dell'umanità. 





Courtesy of Tlaxcala
Source: http://semanariouniversidad.ucr.cr/mundo/atentados-de-paris-o-el-fracaso-de-la-humanidad/
Publication date of original article: 18/11/2015
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=16614

 

Tags: Attentati Parigi 13/1111 settembreFrancia in guerraUSASiriaMedio OrienteRaqqaISIS/ISIL/Daeshguerra al terroreTerrorismoIraqAfghanistanIlluminismo
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.