TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı

 18/09/2019 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 EDITORIALS & OP-EDS 
EDITORIALS & OP-EDS / Con ogni mezzo necessario. By any means necessary
Editoriale Tlaxcala, 21 febbraio 2015
Date of publication at Tlaxcala: 21/02/2015
Original: By any means necessary. Par tous les moyens nécessaires
Éditorial de Tlaxcala, 21 février 2015

Translations available: English  Español  Deutsch  فارسی 

Con ogni mezzo necessario. By any means necessary
Editoriale Tlaxcala, 21 febbraio 2015

TLAXCALA ΤΛΑΞΚΑΛΑ ТЛАКСКАЛА تلاكسكالا 特拉科斯卡拉

 

Il sito di Tlaxcala è di nuovo online. Abbiamo lavorato sodo per pulirlo e proteggerlo dagli attacchi di hacker molto dannosi la cui identità è sconosciuta. Durante questi due mesi di interruzione, abbiamo pubblicato 500 articoli sul nostro blog di emergenza: http://tlaxcala-int.blogspot.com. Questo 21 Febbraio del 2015 coincide con il nono anniversario della nostra creazione ed entriamo nel nostro decimo anno di esistenza, più che mai convinti dell'utilità dei nostro lavoro di trasmettitori. Coincide anche con il cinquantesimo anniversario dell'assassinio di Malcolm X, il brillante rivoluzionario il cui percorso e il messaggio sono di una stupefacente attualità.

Malcom da piccolo è stato anche un bambino martire. All'età di 9 anni fu mandato da orfanotrofi a famiglie d'accoglienza, così come i suoi sette fratelli e sorelle, dopo che la loro madre, impazzita per l'omicidio del padre (discepolo di Marcus Garvey e apostolo del "ritorno in Africa") da parte di razzisti bianchi, venne rinchiusa in una struttura psichiatrica. Bravo studente, abbandonò gli studi quando uno dei suoi insegnanti preferiti gli disse che il suo sogno di diventare un avvocato era "irrealistico per un negro" e che avrebbe fatto meglio ad imparare il mestiere di carpentiere. Tra i 17 e i 21 anni, si dedica alla piccola criminalità era spacciatore, protettore e nel 1946, a 21 anni, è stato incarcerato. Quando esce, sei anni più tardi era già un altro uomo, in prigione aveva conosciuto i Black Muslims a cui si era unito. In seno alla Nation of Islam, lesse molto, rifletté, discusse con i suoi fratelli di miseria. Divenne quello che oggi viene chiamato un "islamista". La Nazione dell'Islam era un movimento che cercava la riabilitazione morale dei neri, disintegrati dal sistema dominante dei bianchi, che, un secolo dopo l'abolizione della schiavitù, ancora negano ai "negri" lo status di cittadini e addirittura di esseri umani. I Black Muslims non rivendicavano l'uguaglianza, ma la separazione, un "ritorno in Africa", ma restando sul suolo US-americano. Malcolm ruppe con loro quando al ritorno dal grande viaggio che lo portò da La Mecca ad Algeri, attraverso Il Cairo e Accra, apprese che durante la sua assenza, Elijah Muhammad, il grande leader della Nation of Islam, aveva avviato discussioni con il Ku Klux Klan su un progetto di Stato riservato ai neri nel Sud, in Alabama o Missouri.

A La Mecca, Malcolm ha visto credenti di tutti i colori e sfondi mescolati fraternamente e ha concluso che era necessario per i neri americani stabilire alleanze con tutti gli oppressi di "Babilonia" per liberarsi insieme. Il 28 giugno 1964 ha lanciato ufficialmente un nuovo movimento, l'Organizzazione dell'Unità afro-americana. Per i suoi principi rivoluzionari, era sotto stretta sorveglianza da parte del FBI. Con la sua critica alla linea separatista della Nation of Islam, si era creato nemici tra i suoi ex fratelli. Tre di loro, manipolati dal FBI, lo assassinarono il 21 febbraio 1965.

http://tlaxcala-int.org/upload/gal_9773.jpg

 

I fratelli Kouachi, Amedy Coulibaly, Omar Al Hussein non sono diventati dei nuovi Malcolm X mentre erano in prigione. Non hanno potuto accedere che allo status di cretini utili, morti invano. Non sono stati in grado di individuare le cause reali e i veri responsabili del loro malessere scegliendo facili bersagli.

Tutti coloro che sognano di imitarli meditino su queste parole di Malcolm X:

 "Dichiariamo il nostro diritto su questa terra di essere uomini, di essere esseri umani, di essere rispettati come esseri umani, di ottenere i diritti di un essere umano in questa società, su questa terra, in questo giorno, e cercare di rendere questo una realtà con tutti i mezzi necessari" (discorso al meeting della fondazione dell'Organizzazione per L'Unità Afro-americana, 28 giugno 1964).

Questa espressione, con tutti i mezzi necessari / by any means necessary, era entrato nella lingua anglo-americana da una delle traduzioni di Le Mani sporche di Jean-Paul Sartre, in cui i due personaggi principali dicono:

Hoederer: Non è rifiutando di mentire che aboliremo le menzogne, ma usando tutti i mezzi per abolire le classi.

Hugo: Tutti i mezzi non sono buoni.

Hoederer: Tutti i mezzi sono buoni quando sono efficaci.

Negli USA si è dibattuto molto sul significato della frase di Malcolm: era un apologia della violenza? Probabilmente sì, della violenza necessaria, ma chi decide come e quando la violenza è necessaria? E come si giudica se un mezzo utilizzato è stato efficace? Ovviamente dal fatto di come c'è stato o meno un approccio agli obiettivi di coloro che lo usavano. Bisogna avere però una chiara idea di quello che si vuole. Cuccioli persi senza collare trasformati in jihadisti non ce l'hanno affatto. Sono condannati a tirare le castagne dal fuoco a quegli altri che, da parte loro, sanno molto bene ciò che vogliono: preservare il dominio e il controllo sul genere umano, arrogandosi il diritto di decretare chi ne fa parte e chi deve essere escluso. Con ogni mezzo necessario.

 





Courtesy of Tlaxcala
Source: http://tlaxcala-int.org/article.asp?reference=14217
Publication date of original article: 21/02/2015
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=14221

 

Tags: Malcolm XBy any means necessaryRivolte logicheTlaxcala
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.