TLAXCALA تلاكسكالا Τλαξκάλα Тлакскала la red internacional de traductores por la diversidad lingüística le réseau international des traducteurs pour la diversité linguistique the international network of translators for linguistic diversity الشبكة العالمية للمترجمين من اجل التنويع اللغوي das internationale Übersetzernetzwerk für sprachliche Vielfalt a rede internacional de tradutores pela diversidade linguística la rete internazionale di traduttori per la diversità linguistica la xarxa internacional dels traductors per a la diversitat lingüística översättarnas internationella nätverk för språklig mångfald شبکه بین المللی مترجمین خواهان حفظ تنوع گویش το διεθνής δίκτυο των μεταφραστών για τη γλωσσική ποικιλία международная сеть переводчиков языкового разнообразия Aẓeḍḍa n yemsuqqlen i lmend n uṭṭuqqet n yilsawen dilsel çeşitlilik için uluslararası çevirmen ağı

 11/12/2018 Tlaxcala, the international network of translators for linguistic diversity Tlaxcala's Manifesto  
English  
 EDITORIALS & OP-EDS 
EDITORIALS & OP-EDS / Di che cosa Abarca è il nome
Date of publication at Tlaxcala: 11/12/2014
Translations available: Français  Español 

Di che cosa Abarca è il nome

Francesco Giannatiempo

 

José Luis Abarca Velázquez e María de los Ángeles Pineda Villa sono, rispettivamente, l’ex sindaco di Iguala e sua  moglie, ex-futura candidata alla stessa posizione. Due  persone di potere. Quel potere pubblico e pubblicizzato in maniera ossessiva al fine di raccogliere consensi e mantenere inalterato l’attuale status quo. E per farlo, i deputati, cioè coloro che vengono delegati a garantire diritti e far osservare doveri, abitualmente ne abusano.

 http://tlaxcala-int.org/upload/gal_9648.jpg

Abarca con...http://tlaxcala-int.org/upload/gal_9645.jpg

...Enrique Peña Nieto, présidente

http://tlaxcala-int.org/upload/gal_9643.jpg

...Rosario Robles, ministra dello Sviluppo sociale

http://tlaxcala-int.org/upload/gal_9644.jpg

... Andrés Manuel López Obrador (AMLO), capo del Partito della rivoluzione democratica ("opposizione" di "sinistra"), del quale Abarca faceva parte

Oggi pronunciare il nome di Abarca è come richiamare alla mente i boia  argentini: da Videla a Camps, ad Astiz e via seguendo l’orrendo elenco sempre impresso nella memoria collettiva.

Il potere, illusoriamente democratico, esige due cose: voto e silenzio. Talvolta, anche voto di silenzio. Perciò, manifestare opposizione, diventa pericoloso.

In una civiltà sempre più verso la zombizzazione permanente di individui collegati telematicamente sebbene seduti l’uno accanto all’altro, non si accettano gruppi di persone che agiscono motivati da pensieri diversi, fuori dal comune, fuori dal coro. Magari ansiosi o desiderosi di un’eguaglianza reale dei diritti.

Il potere è univoco: accetta lo scambio  - do ut des - solo con chi ne può reiterare le basi fondative. Democrazia come materia_le imperialista di esportazione militaresca. Democrazia declinata come demo_crasi(a), ovvero mescolanza fonetica, riduzione delle distanze solo per convenzione del e convezione al potere. Riduce e amalgama e omologa o diversifica a seconda delle convenienze.
 
In Africa, in Colombia, nel Mediterraneo non accadono eventi troppo dissimili dallo stato di Guerrero: magari in italiastan a essere desaparecidos sono i diritti. Poi, forse toccherà alle persone che, intanto, sono materia di flussi migratori. 
 
Perciò chi si pone domande, studia, critica e desidera maggiore rispetto e civiltà, una società fondata sul sociale e non sugli schemi societari, viene ostacolato dal rappresentante del potere di turno. E poi pestato dalla sbirraglia. O fatto scomparire. O ucciso.
 
Questo fa il potere che, oggi, si chiama Abarca. In Messico dove, però, le persone reagiscono e si uniscono in movimenti sociali.
 
Loro sono tutti Abarca, noi siamo tutti Ayotzinapa.
 
http://tlaxcala-int.org/upload/gal_9647.jpg
 

►Evento in solidarietà ai 43 studenti messicani: TUTTI SIAMO AYOTZINAPA!

Il Progetto 7Lune, con sede a Venezia, si vuole unire formalmente al coro di voci che stanno insorgendo a chiedere giustizia, e lo fa con l’organizzazione di una lettura di poesie e canzoni sulla tematica dei diritti umani in America Latina che si terrà il 28 dicembre 2014, alle ore 16,30 presso la Casa dei diritti sociali, in Campo Santa Margherita a Venezia.

Crediamo che sia importante la presenza dei giovani italiani che possano identificarsi nella lotta dei loro coetanei messicani, affinché la richiesta di giustizia sia un’unica voce da tutto il mondo. 

Durante la manifestazione chi vorrà potrà dare un segno tangibile di solidarietà a questa causa semplicemente facendosi fotografare con il cartello da noi preposto “Io sono Ayotzinapa”: le foto saranno inserite nel nostro blog e pagina Facebook e si aggiungeranno alle diverse manifestazioni di solidarietà che vengono inviate ai familiari degli scomparsi.

Speriamo di avervi nostri ospiti in quella giornata! Per qualunque richiesta di chiarimento o per confermare la presenza potete scriverci a: info7lune[at]gmail[dot]com
 http://tlaxcala-int.org/upload/gal_9649.jpg

 Bologna, 20 novembre 2014: Tod@s somos Ayotzinapa





Courtesy of Tlaxcala
Source: http://tlaxcala-int.org/article.asp?reference=14132
Publication date of original article: 11/12/2014
URL of this page : http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=14132

 

Tags: AyotzinapaAbarcaPotereScomparsiRivolte logicheMessico
 

 
Print this page
Print this page
Send this page
Send this page


 All Tlaxcala pages are protected under Copyleft.